Il mio futuro con Lycia

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestGoogle+

IMG_2030Il mio futuro con Lycia

Voglio partire dai ricordi, come inizio può sembrare strano. Eppure non riesco a pensare al futuro senza iniziare da qui. Forse è perché ho sempre ragionato così, forse perché nei ricordi mi sento a mio agio, mi tranquillizzo. Ricordo l’attenzione che da piccola dedicavo a ogni particolare, e la sorpresa che scaturiva da tutti quei gesti che compiono gli adulti. Ricordo, per esempio, mia mamma mentre si truccava e la sensazione di meraviglia, nel seguire e ripetere ogni suo gesto. Oggi mi basta sentire l’odore dei trucchi, per riportare a galla quelle sensazioni felici, un po’ come accade a Proust nell’episodio dedicato alle madeleine nella Recherche. Alla fine, in fondo, so che la passione per quello che faccio è sorretta e alimentata da questi piccoli frammenti. Ma ciò che più mi affascina è che il tempo, se ci penso bene, era un alleato, come un amico silenzioso che teneva per mano e rassicurava. Potrà sembrare banale, ma diventare adulti ci fa cambiare in qualche modo questo rapporto quasi magico che avevamo con il tempo. A volte non basta mai, a volte sfugge di mano, e le rare volte che ne disponiamo non sappiamo che farcene, o lo occupiamo male. Ho imparato che prendersi cura di qualcosa necessita il giusto tempo, attimi da dedicare con attenzione e dedizione. A volte bastano pochi preziosi istanti, incastrati tra le frenetiche giornate, da dedicare a me stessa, alla cura del mio corpo e della mia bellezza. Un po’ come la rosa del Piccolo Principe, che deve e vuole essere accudita ogni giorno, anche la nostra pelle richiede attenzioni e soprattutto tempo. Un semplice gesto come quello di struccarsi ogni sera, apparentemente banale, ha un forte legame con il tempo. Perché sì, è una coccola, un momento per noi stesse, ma è anche un’azione che ci permette di prenderci cura della nostra pelle, di preservarla dai segni del tempo.

Nel mio rituale di benessere non possono mancare le salviette struccanti di Lycia, che mantengono la mia bellezza e fanno si che perduri nel tempo. Tre diverse referenze, perfette per ognuna di noi, da chi ha la pelle normale, chi grassa a chi ha la pelle sensibile, come me. Il nuovo e innovativo tessuto bi-fase presenta da un lato microrilievi che rilasciano il latte detergente per eliminare trucco, impurità e smog, e un altro lato liscio, per eliminare i rimanenti eccessi. Per me sono immancabili, anche in viaggio, quando la mia pelle è più stressata e particolarmente impura. Ecco perché a volte utilizzo quelle per pelli impure: grazie all’argilla bianca, ottengo un’ottima azione purificante mentre l’acqua di fiordaliso rilassa la mia pelle, rendendola più morbida.

Riportare a galla i ricordi, mi fa pensare a chi sono oggi e a quella magia, legata a quei gesti, che non voglio perdere. Ora il mio lavoro è legato alla ricerca della bellezza, con piccoli rituali quotidiani che mi permettono di affrontare con sicurezza ogni sfida futura. È proprio perché il tempo passa e scivola via come la sabbia all’interno di una clessidra, che dobbiamo scegliere di vivere ogni istante con consapevolezza. Perché un presente attento a noi stesse, al nostro benessere, significa un futuro migliore per noi e per la nostra bellezza. A questo proposito, seguitemi martedì 7 novembre, per una giornata all’insegna dell’armonia durante un workshop di meditazione mindfulness.

http://www.lycia.it

IMG_2040

IMG_2045IMG_2051IMG_2070
Questa voce è stata pubblicata in beauty tips. Contrassegna il permalink.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =